Azienda Agricola Berritta V.le Kennedy 108 08022 Dorgali NU - +39 0784 95372 / +39 377 325 6459
info@cantinaberritta.it

Concorso mondiale di Bruxelles: argento per il Nostranu

Il Nostranu, cannonau in purezza prodotto dalla nostra Cantina, ha conquistato una medaglia d’argento al prestigioso Concorso mondiale di Bruxelles. Il vino è stato premiato insieme a circa quattrocento etichette italiane e 24 etichette sarde. La Sardegna ha infatti conquistato una pioggia di medaglie al famoso Concorso mondiale di Bruxelles, quest’anno svolto in Cina dall’otto al 14 maggio. Oltre quattrocento bottiglie italiane tra le 9.100 inviate al concorso sono state premiate. Tra queste anche il cannonau Nostranu del 2016 che ha conquistato una medaglia d’argento.

Siamo davvero molto orgogliosi di questo nuovo riconoscimento, avere ottenuto una medaglia d’argento al concorso di Bruxelles è una grande gioia. Il Nostranu è un vino cento per cento cannonau, prodotto da una vigna giovane, un vino che si può bere tutti i giorni senza stancarsi mai.

La Cantina Berritta nelle ultime settimane ha ricevuto ulteriori premi. Il Nostranu 2016, il Monte Tundu 2015 e il Don Baddore 2016 hanno conquistato la medaglia di bronzo al Decanter, mentre il Thurcalesu del 2016 è stato insignito con una menzione. Circa un mese fa erano stati i giudici del Grenache du Monde, manifestazione che l’anno scorso si è svolta in Sardegna facendo tappa anche a Dorgali, a premiare il Monte Tundu del 2014, un Cannonau classico, una delle nuove etichette prodotte dalla Cantina e imbottigliato per la prima volta nel 2016 dopo due anni di riposo in botte.

Bisogna davvero fare un plauso a tutta la Sardegna e agli eccezionali vini prodotti dalla nostra terra, facciamo i nostri complimenti a chi tra i sardi in particolare ha conquistato le medaglie più ambite.

La nostra Cantina produce il rosato Marinu, i cannonau Nostranu e Thurcalesu, il cannonau classico Monte Tundu, il blend di cannonau e syrah Don Baddore e il suo particolare e unico bianco Panzale, nato dalla riscoperta dell’omonimo vitigno autoctono. La produzione avviene tramite metodi di coltivazione tradizionali.