cannonau

Uno dei nostri motti è “non fermarsi mai“, e seguendo questo principio tra pochi giorni saremmo nuovamente in moto. La Cantina Berritta sarà infatti presente al Mercato FIVI a Roma. Si tratta di una fiera dedicata ai produttori aderenti appunto alla FIVI, la federazione italiana vignaioli indipendenti. Cercheremo di far diventare protagonisti i vini che produciamo nella valle di Oddoene. Panzale, Nostranu, Thurcalesu, Monte Tundu, Don Baddore e il nuovo arrivato Marinu saranno come sempre i nostri accompagnatori speciali.

La Cantina Berritta al Mercato FIVI a Roma ultima modifica: 2018-05-12T10:25:29+00:00 da Cantina Berritta

Torna anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento con la Giornata Nazionale della Cultura del vino e dell’Olio, promossa dall’AIS e giunta all’8^ edizione. Le sezioni territoriali in cui si articola l’Associazione Italiana Sommelier su scala nazionale saranno chiamate a sviluppare il tema “Vino, Olio e Arte patrimonio della cultura italiana” e a raccontare le più significative peculiarità viticole e olivicole dei propri areali di appartenenza, attraverso il coinvolgimento di tecnici ed esperti operanti direttamente sul territorio.

Arriva la Giornata nazionale della cultura del vino e dell’olio ultima modifica: 2018-04-13T19:09:06+00:00 da Cantina Berritta

C’è un nuovo vino alla Cantina Berritta. Nella nostra azienda è arrivato Marinu, un rosato che ha origine dalle uve di Cannonau coltivate a Dorgali. Un prodotto che ancora una volta si ispira alla terra in cui è nato, nella valle di Oddoene, con un diretto riferimento al vento che arriva dal mare e soffia leggero sulla valle.

Ecco Marinu, il rosato della Cantina Berritta ultima modifica: 2018-03-28T19:57:32+00:00 da Cantina Berritta

Ci ha lasciato qualche giorno fa Gillo Dorfles, artista e critico, 107 anni, che ha amato e bevuto il Cannonau. E ha considerato il vino, anche se implicitamente, parte dell’elisir di lunga vita che gli ha permesso di superare abbondantemente il secolo di esistenza. La rivelazione – che per noi è un po’ una conferma, visto che la Sardegna fa parte ufficialmente delle blue zone, le zone del mondo con il più alto tasso di centenari – era arrivata grazie a un’intervista sul Corriere della Sera, scritta dal giornalista Aldo Cazzullo.

Gillo Dorfles, 107 anni vissuti (anche) con un bicchiere di Cannonau ultima modifica: 2018-02-25T16:39:47+00:00 da Cantina Berritta

Non solo in Italia. Ma come era prevedibile, anche Francia e Spagna hanno dovuto stimare al ribasso la rispettiva produzione di vino durante il 2017. Come riportato da WineNews, il portale dedicato all’informazione sul vino, anche i paesi vicini alla Penisola devono fare i conti con le conseguenze delle gelate del 2017. “Mentre in Italia le stime vendemmiali più aggiornate sono quelle di Assoenologi del 20 ottobre, che come noto dicono di una raccolta in Italia sui 38,9 milioni di ettolitri, in calo del -28% sul 2016, da Francia e Spagna arrivano le stime aggiornate dei rispettivi Ministeri dell’Agricoltura, che hanno rivisto in entrambi i casi al ribasso le già poco incoraggianti notizie arrivate verso la fine delle vendemmie” è scritto nell’articolo.

Vino nel mondo, poca produzione anche in Francia e Spagna ultima modifica: 2018-02-07T19:17:58+00:00 da Cantina Berritta

Torna il Grenache du monde, il concorso internazionale di Cannonau. E dopo la tappa della Sardegna, andata in archivio l’anno scorso con successo, questa volta la grande kermesse si sposta in Spagna, a Terra Alta in Catalogna. L’appuntamento è fissato dal 12 al 14 aprile. Il concorso, nato nel 2013, a Roussillon in Francia, arriva così alla sesta edizione. Uno degli obiettivi è favorire la conoscenza e lo sviluppo dell’uva grenache, il Cannonau appunto, coltivato in tutta Europa. L’anno scorso il meeting aveva fatto tappa in Sardegna, portando nell’Isola centinaia di operatori del settore. Una tappa di era svolta anche a Dorgali.

Tutto pronto per il Grenache du monde 2018 ultima modifica: 2018-01-21T11:58:43+00:00 da Cantina Berritta